Società

Aqp, 25 milioni di euro per lavori: sarà potenziato il depuratore di Maglie

venerdì 20 settembre 2019

Interventi per la fognatura a Patù e nelle frazioni di Torre Mozza, Fontanelle e Torre San Giovanni di Ugento.

Un numero consistente di interventi è stato deliberato oggi dal consiglio di consiglio di amministrazione dell’Acquedotto pugliese, tra cui estensione degli impianti idrici e fognanti a Patù e nelle marine di Ugento, e il potenziamento del depuratore di Maglie, oggetto di forti polemiche per le emissioni di cattivi odori.

“La nostra attenzione alle esigenze del territorio -ha sottolineato il presidente Simeone di Cagno Abbrescia- è sempre molto alta. Si registra, fra l’altro, un notevole incremento turistico sempre più destagionalizzato al quale bisogna far corrispondere un’adeguata risposta nei servizi, per qualità e quantità. Con un articolato piano di investimenti nell’intera regione ci prefiggiamo di migliorare la qualità del servizio sia delle reti idriche sia delle reti fognarie, consci che siamo impegnati a garantire beni e servizi di primaria necessità”.

A Maglie è previsto l’affidamento dei lavori di potenziamento dell’impianto di depurazione a servizio dell’agglomerato della città per un importo di quasi 10milioni di Euro.

In circa due anni, oltre a conseguire il potenziamento della linea acque e il ripristino funzionale della linea fanghi, è prevista l’installazione di nuovi sei impianti di abbattimento delle emissioni odorigene. Tra gli interventi, la realizzazione di una vasca di disinfezione delle extra-portate, l’installazione di nuove pompe e tubazioni (piping), di misuratori di portata e sensori monitoraggio, il ripristino funzionale della stabilizzazione anaerobica con l’installazione di quattro cupole di chiusura del digestore, un impianto di desolforazione biogas e una torcia di combustione biogas.

A Patù ci sarà invece l’affidamento della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei lavori di completamento del servizio idrico e fognante per un importo di 6 milioni e 300mila euro con finanziamento POR Puglia 2014-2020.

Il servizio fognario sarà incrementato dal 68% attuale al 98%. La finalità degli interventi è quello di incrementare l’indice di copertura fognario/idrico per il Comune di Patù. La durata dei lavori prevista è di 26 mesi circa.

Ad Ugento, stanziati 9,3milioni di euro. La finalità da perseguire è dotare gli abitati di Torre Mozza, Fontanelle e parte di Torre San Giovanni di servizio fognario, del quale attualmente sono sprovviste, e di estendere il servizio idrico nelle parti di abitato non servite. I lavori saranno terminati in circa due anni.

Altri articoli di "Società"
Società
14/11/2019
Sono stati definiti i bandi che riguardano le Ciancole e le ...
Società
13/11/2019
Lo ha annunciato il sindaco Ernesto Toma, promettendo un ampliamento del servizio nei ...
Società
09/11/2019
Lo ha stabilito una sentenza pubblicata lo scorso 12 ...
Società
09/11/2019
Concerto dell’Orchestra Popolare in Avenida Galliano per celebrare i 500 anni ...
I colori tipici e le luci della grande festa di Scorrano da oggi illumineranno il reparto di Pediatria ...