Maglie

“Io leggo perché”, l’invasione dei bambini per promuovere la lettura

venerdì 26 ottobre 2018

L’iniziativa delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie della Direzione didattica 1° Circolo di Maglie.

Un flash mob per promuovere la lettura sulle note de “La storia infinita”. Hanno invaso pacificamente le strade di Maglie questa mattina, fermandosi nei luoghi dove ci sono i libri. Protagonisti i bambini delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie della Direzione didattica 1° Circolo, che, grazie al supporto delle maestre e della dirigente Maria Stella Colella, hanno aderito, anche quest’anno, al progetto dell’Aie- Associazione Italiana Editori “#ioleggoperchè”, iniziativa che intende promuovere l’amore e il piacere per la lettura e accrescere il patrimonio librario delle biblioteche scolastiche. Il progetto, di respiro nazionale, che si articola in un’ampia serie di azioni ed eventi mediatici sul territorio, ha avuto il suo apice in questa settimana: tutti i cittadini possono ancora acquistare nelle librerie di Maglie gemellate (Cartel, Cartoffice ed Europa) libri da donare alle scuole magliesi. I piccoli lettori hanno sfilato per Maglie distribuendo manifestini inneggianti alla lettura e invitando le persone incuriosite ad avvicinarsi alla lettura, anche solo per regalare un libro. Alla fine della raccolta gli editori aderenti contribuiranno con un numero di libri pari alla donazione nazionale complessiva, fino a un massimo di 100mila volumi, suddividendolo per le scuole partecipanti. 

Altri articoli di "Maglie"
Maglie
18/11/2018
Baglivo: “Immensi Crepaldi, Garzelli e Portaluri in ottima forma”. Ultima ...
Maglie
18/11/2018
Mattinata piovosa a causa della presenza di una circolazione ciclonica sul Mar Ionio che ...
Maglie
16/11/2018
Tra venerdì e domenica temperature sotto la media, venti tesi e piogge sparse. Ma ...
Maglie
16/11/2018
Questa rubrica nasce con l'intento di aiutare i nostri amici animali. Inviate le vostre ...
Cause scatenanti, percentuali di mortalità e precauzioni.   La storia di una paziente salentina morta ...