Cronaca

Violente raffiche di vento nel magliese: strade allagate, muretti e alberi spazzati via

lunedì 11 settembre 2017

La violenza della tempesta si è abbattuta sul territorio di Maglie e nelle zone limitrofe: danneggiamenti a strade e nel cimitero di Melpignano. Allagato anche il cantiere Tap.

Violente raffiche di vento miste ad un forte temporale si sono abbattute in queste ore su Maglie e nei paesi limitrofi: danni e allagamenti si sono registrati sulle strade del territorio, dove l’acqua ha letteralmente sommerso le carreggiate, allagando le zone di campagna.

Nuovi disagi per pedoni e automobilisti nella zona del sottopassaggio in direzione Otranto e viceversa.

I maggiori problemi si sono concentrati nella zona tra Maglie, Scorrano e Melpignano, con il paese della Grecìa salentina particolarmente colpito: danneggiamenti si sono riscontrati nel cimitero cittadino, dove sono crollati muretti e diversi alberi sono stati spazzati via dalla furia del vento. Anche altre zone della Grecìa salentina stanno registrando disagi, come, ad esempio, Martano. 

Allagamenti si sono verificati anche nella zona di San Foca, nel cantiere Tap di San Basilio.

Il maltempo, però, si è spinto in altre aree del territorio. Allagamenti in strada anche a Casarano e Ruffano. Gli esperti di MeteoNetwork chiariscono: "I danni (alcuni ingenti) registrati nel vasto territorio compreso tra Scorrano, Melpignano, Melendugno e Martano sono attribuibili a violente raffiche di vento annesse ad un temporale molto forte transitato in zona, inserite in una già preesistente ventilazione sostenuta".

Aggiornamenti in corso. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
17/06/2018
Le segreterie provinciali dei sindacati, prendendo atto ...
Cronaca
17/06/2018
I due si erano resi protagonisti dei tafferugli scoppiati ...
Cronaca
16/06/2018
Stretta sui controlli tra Casarano e Ugento. Sono 15 le persone deferite in stato di ...
Cronaca
16/06/2018
La famiglia che ha donato la statua: "Se qualcuno ...
CON LE TEMPERATURE IN AUMENTO ATTENZIONE AI COLPI DI CALORE: IL RESPONSABILE DEL PRONTO SOCCORSO CI SPIEGA COME ...